PROVINCIA PESCARA: IMMIGRAZIONE, PROSEGUE “NOTE A MARGINE”

pubblicato in: Etiopia | 0

19 maggio 2005

(AGI) – Pescara, 19 mag. – Seconda giornata della manifestazione “Note a margine”, l’iniziativa voluta dall’assessorato alla Tutela del cittadino della Provincia di Pescara, che fino al 22 maggio prossimo, si articolera’ in diversi momenti di incontro legati alle piu’ diverse espressioni del mondo dell’immigrazione, dalla cultura alla comunicazione, dall’arte alla poesia e la letteratura.

Dopo l’inaugurazione della mostra “No Limits Art” arte e migrazione, nei locali Sparts, in via Cesare Battisti, oggi, nella sala conferenza del Museo Colonna ( l’altra sede della manifestazione) si e’ tenuto il primo dei tre incontri con le scuole superiori previsti nell’ambito del ricco calendario di incontri con rappresentanti del volontariato e della cultura internazionale. Esperienze positive di cooperazione transnazionale sono state tema dell’incontro attraverso la voce del chirurgo Franco Ciampaglia (che collabora con Emergency e Medici senza frontiere) e di associazioni che da anni operano in questo campo (Aca e Cena). Ciampaglia ha parlato di progetti gia’ realizzati come il progetto Sara, che ha visto la costruzione di un acquedotto nel Sud dell’Etiopia, la realizzazione di un ospedale nella citta’ di Axun e l’invio di medici disponibili ad operare sul posto. Iniziativa a cui partecipera’, almeno nella per quello che concerne la raccolta di contributi, la Provincia di Pescara.

Argomenti che hanno destato notevole interesse tra i giovani studenti che hanno partecipato all’incontro che, come ha sottolineato nel suo intervento Mauro Di Zio, assessore alla tutela del cittadino della Provincia di Pescara, “hanno potuto toccare con mano quanto sia importante l’educazione all’uso dell’acqua, la cui carenza nei paesi del terzo mondo e’ tra le principali cause di malattia”.

Ad arricchire la conoscenza del mondo dell’immigrazione, contribuiranno altri momenti di riflessione, come quello in programma domani, venerdi’ 20 maggio, alle ore 10, relativo all’incontro con la scrittrice Randa Ghazi. La scrittrice egiziana, a partire dal suo libro “Sognando Palestina” che costituisce in Italia un vero un caso editoriale, scritto all’eta’ di 15 anni, parlera’ ai suoi coetanei di una guerra dolorosa, dell’odio e delle incomprensioni tra i popoli. Un’opera scritta da un’adolescente per gli adolescenti ma definita un romanzo eroico di grande qualita’ letteraria. (AGI)