Franco Ciampaglia - Medico Chirurgo

1 mese 2 settimane fa

Lo sapevamo

Il Fatto Quotidiano

WE USE COOKIES TO TRACK USAGE AND PREFERENCES.
READ MORE
CLOSE
Home
TOGGLE MOBILE MENU
TOGGLE SEARCH

Quantification of tumour heterogeneity during cancer evolution and in response to therapy
This is a CRUK funded position for the 2019 Crick PhD Programme based in the lab of Francesca Ciccarelli.
Breadcrumb
Additional eligibility criteria

Francesca Ciccarelli
Job title: Group Leader
Lab: Cancer Systems Biology laboratory

This position is funded by Cancer Research UK. The successful candidate will join the Crick PhD Programme on the same studentship terms and conditions as all other Crick PhD students.

Non-EU candidates are not eligible for the funding for this position.

Project

Cancer cells acquire somatic alterations in their genome throughout the life of a tumour. This enables the tumour to evolve in time and space, adapting to the stimuli from the external environment and contributing to actively shape the internal microenvironment. Cancer genome instability leads to inter- and intra-tumour heterogeneity that poses major challenges not only to the basic understanding of cancer biology but also to patient treatment. The genomic landscape of tumours influences the response to therapy and, in turn, pharmacological treatments profoundly change the genomic landscape of tumours. Therefore, understanding how the genome of a tumour changes in time and space is important to better understand the disease and eventually improve treatment outcome.

Our group and others have developed methods to quantify inter- and intra-tumour heterogeneity and to reveal the clone composition of a tumour, which is a measure of how heterogeneous the tumour is. These methods are also useful to rebuild the temporal acquisition of clonal and subclonal cancer driver events during the development of the disease. This is important to then identify genetic modifications that are actionable in therapy.

The successful student will apply available methods and develop new ones to study tumour heterogeneity in time and space and in response to cancer therapy. They will work in collaboration with computational and wet-lab scientists to analyse high quality high-throughput molecular data (i.e. genomic, transcriptomic, epigenomic data) and matched clinical annotations of a large, prospective cohort of oesophageal cancers from two major genomic and patient stratification initiatives (ICGC and OCCAMS). A range of projects related to the study of inter- and intra-tumour heterogeneity of this sample cohort are available and the precise project will be decided on consultation with the supervisor.

The position is suitable for a computational biologist, mathematician or physicist interested in cancer biology, or for a cancer biologist with an interest and some background in computational biology. Although the main focus of the project will be on computational approaches, the possibility of a wet-lab component can be envisaged, depending on the preference and background of the candidate.

How to apply

How to apply: 2019 PhD students programme
Guidance on how to submit your application for the 2019 PhD programme.

References

1. Mourikis, T., Benedetti, L., Foxall, E., Perner, J., Cereda, M., Lagergren, J., Howell, M., Yau, C., Fitzgerald, R., Scaffidi, P. and Ciccarelli, F. D. (2018)

Preprint: Patient-specific detection of cancer genes reveals recurrently perturbed processes in esophageal adenocarcinoma.

Available at: BioRxiv. https://www.biorxiv.org/content/biorxiv/early/2018/05/14/321612.full.pdf

2. Kuppili Venkata, S., Repana, D., Nulsen, J., Dressler, L., Bortolomeazzi, M., Tourna, A., Yakovleva, A., Palmieri, T. and Ciccarelli, F. D. (2018)

Preprint: The Network of Cancer Genes (NCG): a comprehensive catalogue of known and candidate cancer genes from cancer sequencing screens.

Available at: BioRxiv. https://www.biorxiv.org/content/biorxiv/early/2018/08/11/389858.full.pdf

3. Cereda, M., Gambardella, G., Benedetti, L., Iannelli, F., Patel, D., Basso, G., Guerra, R. F., Mourikis, T. P., Puccio, I., Sinha, S., Laghi, L., Spencer, J., Rodriguez-Justo, M. and Ciccarelli, F. D. (2016)

Patients with genetically heterogeneous synchronous colorectal cancer carry rare damaging germline mutations in immune-related genes.

Nature Communications 7: 12072. PubMed abstract

4. Gambardella, G., Cereda, M., Benedetti, L. and Ciccarelli, F. D. (2017)

MEGA-V: detection of variant gene sets in patient cohorts.

Bioinformatics 33: 1248-1249. PubMed abstract

Related content

Francesca Ciccarelli
Cancer Systems Biology laboratory

Francesca Ciccarelli | Vacancies
Open positions and vacancies in Francesca Ciccarelli's lab.

Cancer evolution and genome instability
Research opportunity for a postdoctoral clinical fellow in Charles Swanton's lab.

Nanoanalytical characterisation of tumour/host cell interactions
A joint Crick-Imperial College London funded PhD position for the 2019 programme between the labs of Ilaria Malanchi and Molly Stevens.

Share the page
Share on TwitterTwitter Logo
Share on FacebookFacebook Logo
Share on LinkedInLinkedIn Logo
Share on EmailEmail Icon
The Francis Crick Institute is a unique partnership between

Medical Research Council logo
University College London logo
Imperial College London logo
King's College London logo
Wellcome Trust logo
Cancer Research UK logo

QUICK LINKS

Media & press
Sign-up to our newsletter
Privacy policy
Accessibility
Cookies
Modern slavery statement
Terms and conditions
SOCIAL LINKS

Facebook
YouTube
Twitter
LinkedIn
Instagram
CONTACT US

The Francis Crick Institute
1 Midland Road
London NW1 1AT

+44 (0)20 3796 0000
info@crick.ac.uk

Send us a message


GALLERY & CAFE OPENING TIMES

Mon
Gallery closed
Tues
Gallery closed
Wed
10:00 - 20:00
Thu
10:00 - 16:00
Fri
10:00 - 16:00
Sat
10:00 - 16:00
Sun
Gallery closed
The Francis Crick Institute logo
The Francis Crick Institute Limited is a registered charity in England and Wales no. 1140062 and a company registered in England and Wales no. 06885462, with its registered office at 1 Midland Road, London NW1 1AT.

Franco Ciampaglia - Medico Chirurgo

7 mesi 3 settimane fa

Franco Ciampaglia - Medico Chirurgo

8 mesi 2 settimane fa

Chirurgia bariatrica, gli esperti: ‘Aumenta aspettativa di vita’
Le altre rubricheLa tua saluteMar 30, 2018
chirurgia bariatrica
Gli esperti mettono in guardia sulle false credenze secondo le quali la chirurgia bariatrica sarebbe un mero intervento estetico e ne ricordano l’importanza in termini di miglioramento della qualità di vita dei pazienti.

Non è infrequente sentire che la chirurgia bariatrica sia un semplice intervento estetico finalizzato al dimagrimento.

Ma questa è una falsa – e fuorviante – credenza, come è stato sottolineato nel corso della terza edizione del “Live surgery workshop: update in chirurgia bariatrica laparoscopica” al Policlinico Tor Vergata di Roma.

Gli esperti di chirurgia bariatrica hanno infatti specificato come questo tipo di intervento rivesta una enorme importanza per i pazienti obesi.

L’obesità è infatti una patologia cronica invalidante e come tale va trattata. Mentre, la chirurgia bariatrica, è una tecnica finalizzata a curarla aumentando l’aspettativa e la qualità di vita del paziente.

Una tecnica che, va detto, è sempre più sicura e all’avanguardia anche grazie a tecniche mininvasive avanzate.

Nonostante questo sono in molti a ritenerla una sorta di semplice intervento di dimagrimento. Questo a causa anche dei messaggi spesso fuorvianti che transitano sul web.

Infatti, appena il 2% degli obesi gravi si sottopone all’intervento chirurgico. Non solo. Un’ampia fetta di malati continua ad evitarla esponendosi così a grandi rischi per la propria salute.

Ebbene, nel corso del “Live surgery workshop: update in chirurgia bariatrica laparoscopica” che ha riunito al Policlinico Tor Vergata di Roma chirurghi, infermieri e personale sanitario per una giornata, si è molto parlato di chirurgia bariatrica laparoscopica.

Un tema molto caldo se si considera che, in Italia, si contano quasi 6 milioni di obesi e 500mila grandi obesi, 1 bambino su 3 è in sovrappeso e 1 su 4 è obeso.

Non solo. Ogni anno muoiono 57mila persone per le complicanze di questa malattia. Si tratta di circa una ogni 10 minuti. Uno scenario allarmante che nel resto del mondo addirittura si aggrava.

Secondo Paolo Gentileschi, Professore di Chirurgia, Responsabile dell’UO di Chirurgia dell’Obesità del Policlinico di Tor Vergata e Coordinatore Scientifico del Workshop, “Oggi, soprattutto da quanto emerge dai social network, ma non solo, la chirurgia dell’obesità viene ancora veicolata come chirurgia estetica, come un trattamento chirurgico finalizzato al solo dimagrimento”.

Un messaggio fuorviante, secondo Gentileschi.

“La chirurgia bariatrica è una terapia efficace, purtroppo l’unica, di una grave malattia. È principalmente finalizzata a curare l’obesità in quanto patologia cronica polidistrettuale, e ad aumentare l’aspettativa di vita e la qualità di vita dei pazienti obesi, non ad ottenere un risultato meramente estetico”.

Gentileschi ha poi ricordato quanto la chirurgia bariatrica sia sicura “soprattutto se realizzata da professionisti”. Oltre che “in strutture adeguate, con tecniche mininvasive e all’avanguardia e non deve essere vista come pericolosa”.

“La chirurgia bariatrica – ha concluso Gentileschi – è un tipo di trattamento altamente specializzato, che deve essere svolta in Centri dedicati, pochi in Italia e pochissimi a Roma. Ospedali dove è presente un’equipe multidisciplinare composta da chirurghi, endocrinologi, pneumologi, internisti e psichiatri, e dove vengono svolti in media almeno 100 interventi l’anno”.

A Roma, ha ricordato l’esperto, presso il Policlinico Tor Vergata è stata aperta un’Obesity Unit.

Qui è stato “avviato il Percorso diagnostico terapeutico assistenziale dedicato per garantire alti standard di sicurezza e snellire e modernizzare la gestione della chirurgia dell’obesità”.

Un passo avanti per L’Italia, in cui questo tipo di intervento non viene realizzato con la frequenza di altri paesi. Uno su tutti, la Francia.

Secondo Luigi Piazza, Presidente Sicob “questo ci deve far riflettere perché nelle obesità gravi, la chirurgia rappresenta la soluzione migliore e più incisiva”.

“È un’arma vincente – ha aggiunto – che deve essere maneggiata con estrema cautela da persone competenti”.

Franco Ciampaglia - Medico Chirurgo shared a link.

Di obesità si muore ogni 10 minuti, è una epidemia a livello mondiale - Telemax
Franco Ciampaglia - Medico Chirurgo

Franco Ciampaglia - Medico Chirurgo updated their profile picture.

Un altro periodo professionale e sentimentale è terminato per me. Chiudere definitivamente il reparto di Chirurgia e' stato doloroso per tutti quelli che lavoravano da anni a Villa Pini. Si ricomincerà a gennaio a Villa Serena, una nuova realtà, con nuove persone, nuovi stimoli e la stessa voglia di continuare il nostro lavoro. Auguro a tutti un Buon Natale ed un Felice Anno Nuovo.

I migliori Auguri di Buona Pasqua

I migliori Auguri di buone feste e mi raccomando (a tutti): "conteniamoci", ma una bella passeggiata non neghiamocela!!!

Franco Ciampaglia - Medico Chirurgo

Franco Ciampaglia - Medico Chirurgo

4 anni 2 settimane fa

Franco Ciampaglia - Medico Chirurgo updated their profile picture.

Franco Ciampaglia - Medico Chirurgo shared a link.

Ecco il cibo che vi fa vivere meglio e vi aiuta a prevenire Tumori e Malattie! Guardate il video!!

Comparison of Gastrojejunal Anastomosis Techniques in Laparoscopic Roux-en-Y Gastric Bypass:...

Chieti, 5 giugno 2014
Auditorium del Rettorato, Università G. d’Annunzio
Congresso
08.00 Iscrizione al Congresso
08.30 Saluto del Magnifico Rettore
Prof. Carmine Di Ilio
08.45 Progetti di cooperazione in ambito sanitario: essere sul campo nei progetti CCM per la salute primaria e materno-infantile in Sud Sudan
Dr. Silvio Galvagno
09.45 AIDS, Tubercolosi e Malaria
Dr. Francesco Ricci
10.15 Cancro in Sudan: stato delle conoscenze e fattori di rischio
Prof. Renato Mariani Costantini
10.45 Coffee Break
11.00 Primary Surgery nelle aree rurali
Dr. Franco Ciampaglia
11.30 Il Laboratorio e il ruolo del Tecnico
Dr. Marco Papponetti (DOCEMUS ONLUS)
12.00 Ricordo di Pino Meo “Un Medico per i più poveri, per gli ultimi”
Prof. Vanni Beltrami
12.30 CCM e Sorrisi di madri africane: sali a bordo!
13.00 Conclusione dei lavori e consegna degli attestati
Sarà allestita la Mostra Fotografica “Famiglie d'Africa” accompagnata dal una performance di “Transumanza Artistica”
IL DIRITTO ALLA SALUTE IN SUD SUDAN
Sorrisi di madri africane è la campagna del CCM per la salute materno-infantile in Africa. Gli obiettivi sono concreti: curare e vaccinare 500.000 bambini, assistere durante gravidanza e parto 200.000 donne, formare 1.700 operatori sanitari in ostetricia e pediatria, ristrutturare 27 centri sanitari.
Il CCM - Comitato Collaborazione Medica è una Onlus di
Torino che da oltre 45 anni promuove il diritto alla salute e
l'accesso alle cure primarie. E' presente in 6 Paesi Africani.
www.ccm-italia.org
Segreteria organizzativa
Dip. di Neuroscienze, Imaging e Scienze Cliniche
(Sezione di Fisiologia e Fisiopatologia)
Università “G. D’Annunzio”, Chieti-Pescara
Dr. Vittore Verratti
Prof. Tiziana Pietrangelo
Prof. Camillo Di Giulio
Cell. 3395359831 / E-mail: vittorelibero@hotmail.it
© Larry Towell/Magnum Photos

CCM - Comitato Collaborazione Medica

La scomparsa di un Amico e' sempre difficile rappresentarla ed accettarla. Volevo solo ricordare la Tua partecipazione alla vita del Paese, il Tuo essere sempre pronto ad aiutare, la Tua fratellanza con tutti. Addio Ettorino, ti vogliamo tutti (dico TUTTI) bene e ci stringiamo con un sentito abbraccio alla Tua Famiglia

Auguri di Buona Pasqua a tutti

Comunico a tutti i pazienti in attesa che a breve (il due aprile p.v.) inizierò di nuovo a posizionare i palloncini intragastrici (BIB).

Franco Ciampaglia - Medico Chirurgo shared a link.

Chirurgo rifiuta di operare una paziente perché aveva denunciato un altro medico - Roma -...

Franco Ciampaglia - Medico Chirurgo shared a link.

Campagna informativa del Collegio Italiano dei Chirurghi

Da mercoledì 29 gennaio ho preso servizio presso il Policlinico di Abano Terme

Domani sarà il mio ultimo giorno di lavoro a Villa Pini. E' l'ultima cosa che avrei voluto fare, ma chiusa una porta (purtroppo) se ne deve aprire un'altra. Ringrazio in anticipo tutte le persone, i pazienti, i collaboratori, i colleghi, gli amici che in questi anni mi hanno sopportato. Auguro loro il meglio in assoluto e spero che "Villa Pini" ritorni ad essere "quel riferimento sanitario" che è stato. Aspetto però i vostri in bocca al lupo (o similari). Grazie di tutto ed a tutti

Auguri a tutti. Speriamo nel nuovo anno per quello che cerchiamo.

La mia cugina scienziata (non pazza come le dico spesso). In bocca al lupo per il nuovo posto di lavoro.

Gli Auguri più sinceri a tutti gli Amici, Pazienti ed anche Sconosciuti con cui in qualche maniera mi sono relazionato nel tempo. Grazie della vostra attenzione e pazienza.

Non male i "Nostri Vecchietti"
http://www.corriere.it/cronache/13_dicembre_17/a-100-anni-si-iscrive-corso-computer-953759ae-6739-11e3-b0a6-61a50f6cb301.shtml

A 100 anni si iscrive al corso di computer

Franco Ciampaglia - Medico Chirurgo

5 anni 1 settimana fa

Globesity è il termine ormai adottato, negli ambienti scientifici, per descrivere la portata mondiale del "problema" obesità. Allego un link di un manualetto edito dalla SICOB (Società Italiana Chirurgia dell'Obesità) nostra Società di riferimento. http://www.francociampaglia.com/wp-content/uploads/sicobH.pdf

Franco Ciampaglia - Medico Chirurgo

5 anni 2 settimane fa

Chi non comprende il tuo silenzio, probabilmente non capirà nemmeno le tue parole. (E. Hubbard)

Franco Ciampaglia - Medico Chirurgo

5 anni 2 settimane fa

Tre cose non possono essere nascoste a lungo: il sole, la luna e la verità. (Buddha)

Franco Ciampaglia - Medico Chirurgo

5 anni 3 settimane fa

Ciao Doc...bella la pagina.....ti mando una cosa....l'ho scritta qualche tempo fa........

Ricevuta e pubblicata. Grazie e brava L.
METAMORFOSI...............
In tutti questi anni gli specchi sono sempre stati miei nemici, io stessa ero una nemica.................gli armadi vuoti............i vestiti tutti ugualmente Neri..............i sentimenti sempre uguali, odio per me stessa, per essere diventata quella che ero, così diversa da come ero sempre stata.............le lacrime una costante della mia giornata, lacrime davanti all'armadio e lacrime nei camerini dei negozi............le lacrime di oggi nel camerino del negozio non erano di dolore , ma di gioia, perchè per la prima volta dopo tanto tempo quello che stavo provando mi andava bene e nella taglia non c'erano più le odiate X.............a tanti di voi sembrerà sciocco tutto questo ma so per certo che qualcuno di voi invece , leggendo, capirà quello che sto provando in questi giorni, perchè solo se ci sei passato o ci stai passando puoi capire cosa significa svegliarsi una mattina e rendersi conto di aver ritrovato se stessi, guardarsi allo specchio e vedere , dopo tanti anni , che chi ti sta guardando dall'altra parte sei tu, bella , come non ti sentivi da tanto tempo.
La strada è ancora lunga , difficile e piena di difficoltà ma ora per la prima volta sento che ce la posso fare e ritrovare quella parte di me che ancora mi manca e poi finalmente sarò di nuovo io e potrò dire : bentornata a casa Linda!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Dedicato a C.
Se non fosse stato per te oggi non avrei tutto questo, se quel giorno per sbaglio non ti avessi incontrata non avrei mai saputo cosa vuol dire sentirsi di nuovo padrona della propria vita......................Grazie.
E grazie anche a Doc, ovviamente senza di lui tutto questo non sarebbe stato possibile!

Serenate a Mamma
O Ma', se quacche notte mi ve ‘nmente,
ti vujje fa' na bella 'mpruvisate
t'aja minì a purtà na serenate
'nche stu trombone d' accumpagnamente.

Né ride, Ma’, le sacce:
lu strumente è ruzze e chi le sone nen te fiate,
ma zitte, ca se cojje lu mumente,
capace ca l’accucchie na sunate.

Quande lu vicinate s'arisbejje,
sentenneme suna', forse pu' dire:
“vijat’a jsse coma sta cuntente”!

Ma tu che mi cunusce nen ti sbejje:
li si ca ugne suffiate è nu suspire,
li si ca ugne mutive è nu lamente!
Modesto Della Porta - 1920

Ylenia Moni
Ylenia oggi!!! completamente diversa…

Mi sento diversa, non solo a livello psicologico, ma in ogni cosa che faccio, una banale azione come quella di camminare, chinarsi o semplicemente sedersi in una qualunque sedia, mi ricorda che non sono ciò che ero prima… ciò che più mi impressiona è, lo stare allungata, mi rendo conto di occupare molto meno spazio al quale ero abituata e, questo a volte mi porta ad avere strani sensi di vuoto che non so spiegare. Salire le scale, mi provoca spesso sensazioni di vertigini come io fossi abituata ad esercitare più forza in quel movimento… trascinare tanto peso era diventata un abitudine, uno stile di vita…. ora mi sento piccola…

-PEGGIOR PAURA ORA: guardarmi nuda allo specchio.

-SENSAZIONI PIU’ BELLE:
essere presa in braccio dagli amici, il non tirarsi mai indietro spaventata di non poter fare determinate cose a causa della mia mole.
Il non sentirsi più terribilmente osservata camminando, dalla cattiva fetta sociale e, giudicata dalla forma esteriore come se sotto quei tanti kg di grasso non battesse un cuore e non ci fossero sentimenti.
Poter provare ora capi nei negozi dove mai prima son potuta entrare.

-BENEFICI FISICI:
non sono mai stanca, ho una forza incredibile e voglia di esperienze quasi ad aver fretta di recuperare tutto ciò di cui l’obesità mi ha privata fin ora.
La mia pelle è molto più soffice,sono spariti i problemi di sudorazione o epidermide troppo secca, i capelli molto più lucidi ora conservano l’odore, mentre prima indipendentemente dai tanti lavaggi tendevano ad esser unti. Non ho più L’ASMA, non è tragico a differenza di prima un raffreddore, ho dimenticato cosa siano le APNEE notturne con le quali lottavo ogni santa notte. Ho una regolare riposo notturno e non mi addormento più contro la mia volontà durante il giorno come accadeva sui banchi di scuola. Riesco a praticare sport.
Non sono ossessionata dal cibo e, non mi è difficile gestire il rapporto con esso. Mangio se ho fame con regolari pasti e, sono a conoscenza ora di cosa sia il sentirsi SAZI.

-BENEFICI PSICOLOGICI:
non ho attacchi di ANSIA da tanto tempo ormai, non sono sottoposta frequentemente a forti SBALZI D’UMORE. Ero capace di piangere intere giornate prima, e, mentre questo accadeva continuavo sempre più ad odiare e disprezzare me stessa, non riuscivo ad avere una vita sociale perché se non si sta bene con se stessi è impossibile interagire con gli altri. Ho fiducia in me ora, son sicura di me! mi stimo in un qual modo… e ho capito che davvero volere è potere, non c’è nulla che possa impedire di raggiungere un obbiettivo se davvero lo si vuole. Ho capito che se davvero ci si può aspettare qualcosa da qualcuno, quel qualcuno siamo noi! Sono severa nel giusto quando serve con me stessa e, mi amo nello stesso tempo…

-PAURA DI RIPRENDERE PESO:
no, assolutamente no! come dicevo conosco il senso di sazietà, mentre prima soffrivo di ABBUFFATE CONTINUE e COMPULSIVE. Ora ho un giusto RAPPORTO con il CIBO, non lo vedo più come il peggior nemico… la vita è fatta di esperienze e potrei cadere in qualunque altro errore, ma non sullo stesso. Ho sofferto troppo per poter peccare dello stesso errore, mi indispone pensare e ricordare a quanto cibo potevo ingerire in un solo pasto, non ne sarei più capace… se dovesse essere, saprei riconoscere il campanello di allarme e chiederei immediatamente aiuto alle persone qualificate. L’Obesità è un circuito chiuso, tutto collegato a se, se ti odi, non ti importa di recuperare nulla e continui a mangiare in maniera errata, se continui in quel modo, prendi peso sempre più, e poi ricomincia, più è lontana la lancetta della bilancia dal giusto peso e più è difficile aver la forza di recuperare e poter cambiare.

-UNICO RIMPIANTO:
non aver ACCETTATO, RICONOSCIUTO e AFFRONTATO il problema. Non essermi fidata mai di nessuno e non aver permesso mai a nessuno di aiutarmi.
Le prime battaglie le ho affrontate sola completamente, non ne sono pentita lo rifarei altre 100 volte… lo slancio iniziale l’ho afferrato da sola, ma riconosco che seguita avrei potuto evitare tante sofferenze e magari raccogliere con minori tempistiche gli stessi risultati.

-IL GIORNO PIU’ BELLO:
l’incontro con il mio medico dott “FRANCO CIAMPAGLIA”. 9aprile 2012
(il 4 maggio 2012 mi ha sottoposta al posizionamento del BIB e non solo, con stretto controllo nutrizionale e psicologico di pari passo)

-CONDIZIONI: Il primo di cui mi sono fidata,il primo che mi ha capita nonostante tutto, il primo ad aver avuto fiducia in me!
Non si ha la minima idea di quanto amore vien dato negli ospedali finché non lo si vive, il primo a prendermi per le mani, il primo a sfiorare la mia malattia e con le sue mani voglio toccare la vetta… se per un motivo o un altro non fosse lui a portarmi avanti, potrei arrivare a rinunciare al sogno definitivo.

OBBIETTIVI FUTURI:
sempre di più, sempre il meglio… non accontentarsi mai, non esiste un punto di arrivo!

LA FELICITA’ DI ORA:
semplicemente sentirmi una PERSONA NORMALE.

RINGRAZIAMENTI: 2 persone, “YLENIA” & il dott “FRANCO CIAMPAGLIA”.

Ylenia Moni
Ylenia oggi!!! completamente diversa…

Mi sento diversa, non solo a livello psicologico, ma in ogni cosa che faccio, una banale azione come quella di camminare, chinarsi o semplicemente sedersi in una qualunque sedia, mi ricorda che non sono ciò che ero prima… ciò che più mi impressiona è, lo stare allungata, mi rendo conto di occupare molto meno spazio al quale ero abituata e, questo a volte mi porta ad avere strani sensi di vuoto che non so spiegare. Salire le scale, mi provoca spesso sensazioni di vertigini come io fossi abituata ad esercitare più forza in quel movimento… trascinare tanto peso era diventata un abitudine, uno stile di vita…. ora mi sento piccola…

-PEGGIOR PAURA ORA: guardarmi nuda allo specchio.

-SENSAZIONI PIU’ BELLE:
essere presa in braccio dagli amici, il non tirarsi mai indietro spaventata di non poter fare determinate cose a causa della mia mole.
Il non sentirsi più terribilmente osservata camminando, dalla cattiva fetta sociale e, giudicata dalla forma esteriore come se sotto quei tanti kg di grasso non battesse un cuore e non ci fossero sentimenti.
Poter provare ora capi nei negozi dove mai prima son potuta entrare.

-BENEFICI FISICI:
non sono mai stanca, ho una forza incredibile e voglia di esperienze quasi ad aver fretta di recuperare tutto ciò di cui l’obesità mi ha privata fin ora.
La mia pelle è molto più soffice,sono spariti i problemi di sudorazione o epidermide troppo secca, i capelli molto più lucidi ora conservano l’odore, mentre prima indipendentemente dai tanti lavaggi tendevano ad esser unti. Non ho più L’ASMA, non è tragico a differenza di prima un raffreddore, ho dimenticato cosa siano le APNEE notturne con le quali lottavo ogni santa notte. Ho una regolare riposo notturno e non mi addormento più contro la mia volontà durante il giorno come accadeva sui banchi di scuola. Riesco a praticare sport.
Non sono ossessionata dal cibo e, non mi è difficile gestire il rapporto con esso. Mangio se ho fame con regolari pasti e, sono a conoscenza ora di cosa sia il sentirsi SAZI.

-BENEFICI PSICOLOGICI:
non ho attacchi di ANSIA da tanto tempo ormai, non sono sottoposta frequentemente a forti SBALZI D’UMORE. Ero capace di piangere intere giornate prima, e, mentre questo accadeva continuavo sempre più ad odiare e disprezzare me stessa, non riuscivo ad avere una vita sociale perché se non si sta bene con se stessi è impossibile interagire con gli altri. Ho fiducia in me ora, son sicura di me! mi stimo in un qual modo… e ho capito che davvero volere è potere, non c’è nulla che possa impedire di raggiungere un obbiettivo se davvero lo si vuole. Ho capito che se davvero ci si può aspettare qualcosa da qualcuno, quel qualcuno siamo noi! Sono severa nel giusto quando serve con me stessa e, mi amo nello stesso tempo…

-PAURA DI RIPRENDERE PESO:
no, assolutamente no! come dicevo conosco il senso di sazietà, mentre prima soffrivo di ABBUFFATE CONTINUE e COMPULSIVE. Ora ho un giusto RAPPORTO con il CIBO, non lo vedo più come il peggior nemico… la vita è fatta di esperienze e potrei cadere in qualunque altro errore, ma non sullo stesso. Ho sofferto troppo per poter peccare dello stesso errore, mi indispone pensare e ricordare a quanto cibo potevo ingerire in un solo pasto, non ne sarei più capace… se dovesse essere, saprei riconoscere il campanello di allarme e chiederei immediatamente aiuto alle persone qualificate. L’Obesità è un circuito chiuso, tutto collegato a se, se ti odi, non ti importa di recuperare nulla e continui a mangiare in maniera errata, se continui in quel modo, prendi peso sempre più, e poi ricomincia, più è lontana la lancetta della bilancia dal giusto peso e più è difficile aver la forza di recuperare e poter cambiare.

-UNICO RIMPIANTO:
non aver ACCETTATO, RICONOSCIUTO e AFFRONTATO il problema. Non essermi fidata mai di nessuno e non aver permesso mai a nessuno di aiutarmi.
Le prime battaglie le ho affrontate sola completamente, non ne sono pentita lo rifarei altre 100 volte… lo slancio iniziale l’ho afferrato da sola, ma riconosco che seguita avrei potuto evitare tante sofferenze e magari raccogliere con minori tempistiche gli stessi risultati.

-IL GIORNO PIU’ BELLO:
l’incontro con il mio medico dott “FRANCO CIAMPAGLIA”. 9aprile 2012
(il 4 maggio 2012 mi ha sottoposta al posizionamento del BIB e non solo, con stretto controllo nutrizionale e psicologico di pari passo)

-CONDIZIONI: Il primo di cui mi sono fidata,il primo che mi ha capita nonostante tutto, il primo ad aver avuto fiducia in me!
Non si ha la minima idea di quanto amore vien dato negli ospedali finché non lo si vive, il primo a prendermi per le mani, il primo a sfiorare la mia malattia e con le sue mani voglio toccare la vetta… se per un motivo o un altro non fosse lui a portarmi avanti, potrei arrivare a rinunciare al sogno definitivo.

OBBIETTIVI FUTURI:
sempre di più, sempre il meglio… non accontentarsi mai, non esiste un punto di arrivo!

LA FELICITA’ DI ORA:
semplicemente sentirmi una PERSONA NORMALE.

RINGRAZIAMENTI: 2 persone, “YLENIA” & il dott “FRANCO CIAMPAGLIA”.

Ylenia Moni
Ylenia oggi!!! completamente diversa…

Mi sento diversa, non solo a livello psicologico, ma in ogni cosa che faccio, una banale azione come quella di camminare, chinarsi o semplicemente sedersi in una qualunque sedia, mi ricorda che non sono ciò che ero prima… ciò che più mi impressiona è, lo stare allungata, mi rendo conto di occupare molto meno spazio al quale ero abituata e, questo a volte mi porta ad avere strani sensi di vuoto che non so spiegare. Salire le scale, mi provoca spesso sensazioni di vertigini come io fossi abituata ad esercitare più forza in quel movimento… trascinare tanto peso era diventata un abitudine, uno stile di vita…. ora mi sento piccola…

-PEGGIOR PAURA ORA: guardarmi nuda allo specchio.

-SENSAZIONI PIU’ BELLE:
essere presa in braccio dagli amici, il non tirarsi mai indietro spaventata di non poter fare determinate cose a causa della mia mole.
Il non sentirsi più terribilmente osservata camminando, dalla cattiva fetta sociale e, giudicata dalla forma esteriore come se sotto quei tanti kg di grasso non battesse un cuore e non ci fossero sentimenti.
Poter provare ora capi nei negozi dove mai prima son potuta entrare.

-BENEFICI FISICI:
non sono mai stanca, ho una forza incredibile e voglia di esperienze quasi ad aver fretta di recuperare tutto ciò di cui l’obesità mi ha privata fin ora.
La mia pelle è molto più soffice,sono spariti i problemi di sudorazione o epidermide troppo secca, i capelli molto più lucidi ora conservano l’odore, mentre prima indipendentemente dai tanti lavaggi tendevano ad esser unti. Non ho più L’ASMA, non è tragico a differenza di prima un raffreddore, ho dimenticato cosa siano le APNEE notturne con le quali lottavo ogni santa notte. Ho una regolare riposo notturno e non mi addormento più contro la mia volontà durante il giorno come accadeva sui banchi di scuola. Riesco a praticare sport.
Non sono ossessionata dal cibo e, non mi è difficile gestire il rapporto con esso. Mangio se ho fame con regolari pasti e, sono a conoscenza ora di cosa sia il sentirsi SAZI.

-BENEFICI PSICOLOGICI:
non ho attacchi di ANSIA da tanto tempo ormai, non sono sottoposta frequentemente a forti SBALZI D’UMORE. Ero capace di piangere intere giornate prima, e, mentre questo accadeva continuavo sempre più ad odiare e disprezzare me stessa, non riuscivo ad avere una vita sociale perché se non si sta bene con se stessi è impossibile interagire con gli altri. Ho fiducia in me ora, son sicura di me! mi stimo in un qual modo… e ho capito che davvero volere è potere, non c’è nulla che possa impedire di raggiungere un obbiettivo se davvero lo si vuole. Ho capito che se davvero ci si può aspettare qualcosa da qualcuno, quel qualcuno siamo noi! Sono severa nel giusto quando serve con me stessa e, mi amo nello stesso tempo…

-PAURA DI RIPRENDERE PESO:
no, assolutamente no! come dicevo conosco il senso di sazietà, mentre prima soffrivo di ABBUFFATE CONTINUE e COMPULSIVE. Ora ho un giusto RAPPORTO con il CIBO, non lo vedo più come il peggior nemico… la vita è fatta di esperienze e potrei cadere in qualunque altro errore, ma non sullo stesso. Ho sofferto troppo per poter peccare dello stesso errore, mi indispone pensare e ricordare a quanto cibo potevo ingerire in un solo pasto, non ne sarei più capace… se dovesse essere, saprei riconoscere il campanello di allarme e chiederei immediatamente aiuto alle persone qualificate. L’Obesità è un circuito chiuso, tutto collegato a se, se ti odi, non ti importa di recuperare nulla e continui a mangiare in maniera errata, se continui in quel modo, prendi peso sempre più, e poi ricomincia, più è lontana la lancetta della bilancia dal giusto peso e più è difficile aver la forza di recuperare e poter cambiare.

-UNICO RIMPIANTO:
non aver ACCETTATO, RICONOSCIUTO e AFFRONTATO il problema. Non essermi fidata mai di nessuno e non aver permesso mai a nessuno di aiutarmi.
Le prime battaglie le ho affrontate sola completamente, non ne sono pentita lo rifarei altre 100 volte… lo slancio iniziale l’ho afferrato da sola, ma riconosco che seguita avrei potuto evitare tante sofferenze e magari raccogliere con minori tempistiche gli stessi risultati.

-IL GIORNO PIU’ BELLO:
l’incontro con il mio medico dott “FRANCO CIAMPAGLIA”. 9aprile 2012
(il 4 maggio 2012 mi ha sottoposta al posizionamento del BIB e non solo, con stretto controllo nutrizionale e psicologico di pari passo)

-CONDIZIONI: Il primo di cui mi sono fidata,il primo che mi ha capita nonostante tutto, il primo ad aver avuto fiducia in me!
Non si ha la minima idea di quanto amore vien dato negli ospedali finché non lo si vive, il primo a prendermi per le mani, il primo a sfiorare la mia malattia e con le sue mani voglio toccare la vetta… se per un motivo o un altro non fosse lui a portarmi avanti, potrei arrivare a rinunciare al sogno definitivo.

OBBIETTIVI FUTURI:
sempre di più, sempre il meglio… non accontentarsi mai, non esiste un punto di arrivo!

LA FELICITA’ DI ORA:
semplicemente sentirmi una PERSONA NORMALE.

RINGRAZIAMENTI: 2 persone, “YLENIA” & il dott “FRANCO CIAMPAGLIA”.

Ylenia Moni
Ylenia oggi!!! completamente diversa…

Mi sento diversa, non solo a livello psicologico, ma in ogni cosa che faccio, una banale azione come quella di camminare, chinarsi o semplicemente sedersi in una qualunque sedia, mi ricorda che non sono ciò che ero prima… ciò che più mi impressiona è, lo stare allungata, mi rendo conto di occupare molto meno spazio al quale ero abituata e, questo a volte mi porta ad avere strani sensi di vuoto che non so spiegare. Salire le scale, mi provoca spesso sensazioni di vertigini come io fossi abituata ad esercitare più forza in quel movimento… trascinare tanto peso era diventata un abitudine, uno stile di vita…. ora mi sento piccola…

-PEGGIOR PAURA ORA: guardarmi nuda allo specchio.

-SENSAZIONI PIU’ BELLE:
essere presa in braccio dagli amici, il non tirarsi mai indietro spaventata di non poter fare determinate cose a causa della mia mole.
Il non sentirsi più terribilmente osservata camminando, dalla cattiva fetta sociale e, giudicata dalla forma esteriore come se sotto quei tanti kg di grasso non battesse un cuore e non ci fossero sentimenti.
Poter provare ora capi nei negozi dove mai prima son potuta entrare.

-BENEFICI FISICI:
non sono mai stanca, ho una forza incredibile e voglia di esperienze quasi ad aver fretta di recuperare tutto ciò di cui l’obesità mi ha privata fin ora.
La mia pelle è molto più soffice,sono spariti i problemi di sudorazione o epidermide troppo secca, i capelli molto più lucidi ora conservano l’odore, mentre prima indipendentemente dai tanti lavaggi tendevano ad esser unti. Non ho più L’ASMA, non è tragico a differenza di prima un raffreddore, ho dimenticato cosa siano le APNEE notturne con le quali lottavo ogni santa notte. Ho una regolare riposo notturno e non mi addormento più contro la mia volontà durante il giorno come accadeva sui banchi di scuola. Riesco a praticare sport.
Non sono ossessionata dal cibo e, non mi è difficile gestire il rapporto con esso. Mangio se ho fame con regolari pasti e, sono a conoscenza ora di cosa sia il sentirsi SAZI.

-BENEFICI PSICOLOGICI:
non ho attacchi di ANSIA da tanto tempo ormai, non sono sottoposta frequentemente a forti SBALZI D’UMORE. Ero capace di piangere intere giornate prima, e, mentre questo accadeva continuavo sempre più ad odiare e disprezzare me stessa, non riuscivo ad avere una vita sociale perché se non si sta bene con se stessi è impossibile interagire con gli altri. Ho fiducia in me ora, son sicura di me! mi stimo in un qual modo… e ho capito che davvero volere è potere, non c’è nulla che possa impedire di raggiungere un obbiettivo se davvero lo si vuole. Ho capito che se davvero ci si può aspettare qualcosa da qualcuno, quel qualcuno siamo noi! Sono severa nel giusto quando serve con me stessa e, mi amo nello stesso tempo…

-PAURA DI RIPRENDERE PESO:
no, assolutamente no! come dicevo conosco il senso di sazietà, mentre prima soffrivo di ABBUFFATE CONTINUE e COMPULSIVE. Ora ho un giusto RAPPORTO con il CIBO, non lo vedo più come il peggior nemico… la vita è fatta di esperienze e potrei cadere in qualunque altro errore, ma non sullo stesso. Ho sofferto troppo per poter peccare dello stesso errore, mi indispone pensare e ricordare a quanto cibo potevo ingerire in un solo pasto, non ne sarei più capace… se dovesse essere, saprei riconoscere il campanello di allarme e chiederei immediatamente aiuto alle persone qualificate. L’Obesità è un circuito chiuso, tutto collegato a se, se ti odi, non ti importa di recuperare nulla e continui a mangiare in maniera errata, se continui in quel modo, prendi peso sempre più, e poi ricomincia, più è lontana la lancetta della bilancia dal giusto peso e più è difficile aver la forza di recuperare e poter cambiare.

-UNICO RIMPIANTO:
non aver ACCETTATO, RICONOSCIUTO e AFFRONTATO il problema. Non essermi fidata mai di nessuno e non aver permesso mai a nessuno di aiutarmi.
Le prime battaglie le ho affrontate sola completamente, non ne sono pentita lo rifarei altre 100 volte… lo slancio iniziale l’ho afferrato da sola, ma riconosco che seguita avrei potuto evitare tante sofferenze e magari raccogliere con minori tempistiche gli stessi risultati.

-IL GIORNO PIU’ BELLO:
l’incontro con il mio medico dott “FRANCO CIAMPAGLIA”. 9aprile 2012
(il 4 maggio 2012 mi ha sottoposta al posizionamento del BIB e non solo, con stretto controllo nutrizionale e psicologico di pari passo)

-CONDIZIONI: Il primo di cui mi sono fidata,il primo che mi ha capita nonostante tutto, il primo ad aver avuto fiducia in me!
Non si ha la minima idea di quanto amore vien dato negli ospedali finché non lo si vive, il primo a prendermi per le mani, il primo a sfiorare la mia malattia e con le sue mani voglio toccare la vetta… se per un motivo o un altro non fosse lui a portarmi avanti, potrei arrivare a rinunciare al sogno definitivo.

OBBIETTIVI FUTURI:
sempre di più, sempre il meglio… non accontentarsi mai, non esiste un punto di arrivo!

LA FELICITA’ DI ORA:
semplicemente sentirmi una PERSONA NORMALE.

RINGRAZIAMENTI: 2 persone, “YLENIA” & il dott “FRANCO CIAMPAGLIA”.

AFRICA
Ho vagato,
come una lacrima,
mai più sola;
tra le rughe intagliate
sulla faccia contrita
di nostra madre Terra.

(Lucio Freni)

Dedicata all’amico Franco e a tutti coloro che portano soccorso nel mondo.

Africa
L’Africa oltre ad essere un continente meraviglioso è una “malattia” ed io ne sono stato contagiato dal mio Maestro di Chirurgia il Professor Vanni Beltrami, che oltre ad essere un grande Chirurgo, un grande Umanista, una Persona squisita è anche un insigne Africanista.

Molte sono le sue ricerche e le sue opere sui rupestri del Sahel ed “Una corona per Agades” è la summa della sua ricerca in questo campo. Devo al Professore il mio interessamento ed il mio amore per quel continente.

Una mattina grigia e fredda di fine novembre 1986, allora giovane medico interno dell’Istituto di Clinica Chirurgica e specializzando in Chirurgia Generale, fui chiamato da Loredana (mitica segretaria) nello studio del Professore il quale, in quattro parole, mi disse: “il dieci dicembre partirai per la Nigeria ed andrai a Jibiya dove dovrai sostituire il dott Oscar Pereira che andrà in ferie per qualche mese, prepara l’occorente e vai”!!!! “…ma non ho il passaporto, non so l’inglese, fra due settimane ho l’orale di quel concorso per assistente ospedaliero” cercai di borbottare, ma forse avevo solo immaginato di parlare, tant’è che mi ritrovai su un A 300 dell’Alitalia (primo volo della mia vita) e catapultato nel pieno del “Continente Nero”.

Appena giunto all’aeroporto di Kano iniziarono le prime grane: non sapevo dove andare, cosa fare, a chi chiedere qualcosa (“tanto ti capiranno tutti, basta gesticolare con le mani e parlare adagio” questi erano stati gli ultimi consigli degli amici prima di partire), invece buio pesto, zanzare che mi azzannavano da tutte le parti, caldo fottuto -vorrei ricordare che in Italia era pieno e rigido inverno- ed io ero vestito all’italiana pantalone e camicia pesante ed un ottimo maglione! Immediatamente odiai tutto e tutti, il caldo, le zanzare, l’Africa, chi mi aveva spedito laggiù e soprattutto odiai me stesso per aver accettato l’incarico.

Dopo qualche giorno di caldo insopportabile, di caccia alle zanzare, di primi approcci con il sud Sahara, con l’Harmatan (il vento del deserto) che ti rendeva tutto rosso per la sabbia che ti buttava addosso di continuo e l’incontro con le persone del luogo, oltre ai paesaggi aridi ma di una bellezza unica ed ai tramonti che mi lasciavano senza respiro, al tempo che scorreva con altre cadenze e senza i nostri ritmi frenetici, iniziai ad adattarmi a quel mondo.

Tutto iniziava ad appartenermi e capii subito che mi stavo innammorando e che il “mal d’Africa” era una malattia reale, trasmissibile, contagiosa e cronica ed io ormai ero stato contagiato.

Da allora più e più volte mi sono recato in Africa ed ogni volta rimango estasiato per la gente, i bambini, i colori, i paesaggi, gli animali, il mare, gli altipiani, il caldo, il freddo, le grandi piogge, il sole, le stelle e…..le zanzare!

Tarantini: «Ecco le mie radici, dall'Abruzzo alla Lombardia»

L'ANTEPRIMA. Pubblichiamo un brano di «Cercando la libertà» di Graziano Tarantini, che oggi alle 18 sarà presentato in Cdc
Il padre: «Era muratore, ha fatto anche l'emigrante» Gli avi: «Il nonno invalido di guerra sul monte Grappa» L'inquietudine: «Leopardi fu un aiuto esistenziale»


Graziano Tarantini ha 50 anni: è nato il 3 agosto 1960
Graziano Tarantini ha 50 anni: è nato il 3 agosto 1960
Aumenta
Diminuisci
Stampa
Invia











Questa sera alle 18, alla Camera di commercio di via Einaudi, presentazione del libro «Cercando la libertà» di Graziano Tarantini, presidente della Fondazione San Benedetto, edito dalla Compagnia della Stampa. All'incontro, introdotto e moderato dal giornalista di Bresciaoggi Massimo Tedeschi, interverranno - oltre all'autore - il sindaco Adriano Paroli, Aldo Rebecchi, Ugo Calzoni e Tonino Zana. Il volume riunisce testi di Tarantini pubblicati su diverse testate e alcuni inediti. Di seguito pubblichiamo l'inedito «Il paese dove sono nato».
Sono nato il 3 agosto del 1960 a Pizzoferrato, all'estremo sud dell'Abruzzo, a quota 1251 metri e a meno di un'ora dalla costa adriatica. Tra montagna e mare dunque, tipicità geografica di quella regione, che la rende, assieme alla mitezza dei suoi abitanti, una terra straordinaria.
Mio padre, che non c'è più, faceva il muratore; nei suoi trascorsi, ancora molto giovane, non gli furono risparmiate esperienze di fatica in terra straniera tra cui il duro lavoro nelle miniere di carbone in Belgio.
MIA MADRE si è occupata sostanzialmente dei quattro figli e soprattutto della cura della casa e di mio papà. Comunque le origini della mia famiglia sono contadine ad eccezione del mio nonno materno che era dedito ai commerci. I miei parenti, per parlare solo di quelli più stretti, sono sparsi su tre continenti: ne ho in Australia, Canada, Belgio e Inghilterra. E tanto sangue hanno dato per la patria.
Mio nonno paterno, per me figura mitica a cui devo il piacere del sigaro toscano, aveva perso una gamba all'età di 18 anni sul monte Grappa. Lo ricordo con la protesi e tanta rabbia per un mondo che riteneva ingiusto. Oltre alla guerra gli erano toccati in sorte la morte prematura della moglie, che lo aveva lasciato solo con sei figli, e il dover raccogliere i resti del corpo del suo primogenito saltato in aria durante un'operazione di sminamento che faceva per sostenere la sua povera famiglia. Un personaggio che sembrava uscito da qualche romanzo di Dostoevskij o di Melville. È stata la prima persona che ho visto morire; avevo sette anni.
Dei nonni conosciuti l'altra è stata mia nonna materna. Anche lei rimasta vedova con cinque figli dopo aver perso il marito in Grecia nella seconda guerra mondiale. Una figura straordinaria che ti infondeva certezza e ti dava protezione, e anche la serenità mentre leggevi un libro accanto a lei. Ho sempre pensato che in quel momento vedeva in te la proiezione di quanto aveva desiderato per sé. Quindi era per lei un momento sacrale. Una roccia, una pietra miliare, un centro di gravità. Così con la sua morte, oltre al vuoto, ogni persona che le girava intorno ha subito un leggero sbandamento.
Il mio paese all'origine si chiamava Pizzo per via del suo arroccamento sulla punta di una roccia; nel periodo del brigantaggio la sua entrata fu protetta da un cancello di ferro e da lì il nome Pizzoferrato. Ci sono vissuto fino all'età di tredici anni, gli anni dell'infanzia, quella che per Leopardi era «quel benedetto e beato tempo, dov'io sperava e sognava la felicità, e sperando e sognando la godeva». Proprio lì, in quegli anni, in quella dura semplicità, è nato il mio amore per Leopardi e Dostoevskij.
DA BAMBINO mi sentivo un piccolo essere in un piccolo contado, ma ammirando il cielo notturno, dove ancora oggi le stelle toccano la terra, e la vastità dell'orizzonte che nelle belle giornate si confondeva con il mare, avvertivo che ero fatto per qualcosa di grande. Di quella sproporzione fra me e l'universo ho sofferto proprio tanto. Non sapevo come colmare quella distanza. Non volevo arrendermi e rassegnarmi alla normalità, alla mia piccolezza. Alle medie la scoperta di Leopardi mi folgorò, me ne innamorai e mi fu di grande aiuto esistenziale: «l'Infinito» mi consegnò le parole per descrivere quel che vedevo; «Al Conte Carlo Pepoli» diceva il mio disprezzo verso la banalità in cui vedevo vivere tante persone che mi circondavano e quello che avrei voluto urlargli contro; il «Canto notturno di un pastore errante dell'Asia» coincideva con me, con il mio stato d'animo e con le mie domande.
Dostoevskij lo conobbi più tardi, di anni ne avevo diciotto. Quel periodo lo ricordo come il più duro della mia vita. Mi accingevo a iniziare l'ultimo anno delle scuole medie superiori e alla mia abituale irrequietezza si aggiungeva l'incertezza sul futuro. Su che cosa avrei potuto fare dopo i cinque anni vissuti a Lanciano, città dove mi ero trasferito dopo la terza media. Ancora oggi il solo ricordo mi angoscia. Mi fu di grande aiuto la presenza di una ragazza che, a sua insaputa, mi trasmetteva una formidabile energia positiva. Mi evitò il precipizio.
E fu allora che un giorno di settembre, dell'anno 1978, fui attratto da un libro di Dmitrij Merezkovskij dal titolo «Tolstoj e Dostoevskij». Il libro, edito da Laterza, aveva una copertina giallo ocra, ed era nella libreria di una mia cara zia che viveva con mia nonna. Forse l'unica persona che al mio paese spendeva soldi per i libri. Non conoscevo gli autori russi e così leggendo i virgolettati riferiti a scritti di Dostoevskij ne restai molto colpito. Fu vero amore e da quel giorno i suoi capolavori hanno accompagnato la mia vita. Mi hanno aiutato a capire di che cosa è fatto il cuore dell'uomo e il perché ogni persona è per sua natura una presenza grande. Da dove passa l'esperienza del perdono e quella della misericordia di Dio. Una delle mie tesi di laurea, chiamata tesina, la feci sul suo romanzo Delitto e castigo. Sulla differenza fra la pena «meccanica», quella inflitta dalla giustizia umana, e la pena interiore che necessita del tuo pentimento ma davanti a una presenza capace di perdonarti. Capace di abbracciarti con il tuo peccato, foss'anche il crimine più terribile, e riscattarlo. Raskolnikov sollecitato da Sonia chiede perdono del delitto compiuto e accetta così i lavori forzati, il giusto castigo previsto dalla legge degli uomini. Ma prima sperimenta, con lo sguardo su di sé della stessa Sonia, la possibilità della redenzione. Attraverso Dostoevskij ho conosciuto mia moglie durante l'università, studentessa di lettere moderne e vera cultrice dello scrittore russo, e di seguito anche l'esperienza di Comunione e Liberazione. Il sapere della stima che don Giussani aveva per lui mi aiutò a guardare il suo movimento con un anticipo di simpatia. Oggi ne faccio, con letizia e riconoscenza, ancora parte.
QUINDI IL MIO AMORE per Leopardi e Dostoevskij, per la lettura, e per la conoscenza in generale, non è stato frutto di un sistematico lavoro intellettuale né tanto meno è stato favorito da un particolare ambiente familiare o sociale. Ho solo cercato di prendere sul serio la vita, di fare i conti con il mio desiderio di felicità e di non scivolare nello scetticismo di fronte alla non immediata corrispondenza della realtà e al nichilismo degli adulti. Questo è stato possibile anche grazie ad amici che mi hanno aiutato ad andare al fondo di ogni cosa e a guardare alla tanta bellezza di cui è piena la nostra vita e dalla quale, per pretesti molto futili, ne siamo continuamente distratti.

Graziano Tarantini

Terapia chirurgica dell’obesità: indicazioni e controindicazioni
Luca Busetto.
Servizio per la Terapia Medica e Chirurgica dell’Obesità
Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche - Università di Padova
Introduzione
La terapia chirurgica della grave obesità (chirurgia bariatrica) sta avendo in questi ultimi anni una
sempre crescente diffusione. Tale fenomeno è legato probabilmente a due fattori concomitanti: da
un lato la presenza di unnumero sempre maggiore di casi di grande obesità, dall’altro una crescente
accettazione di questa terapia da parte della classe medica.
L’obesità grave, definita come una obesità in cui l’indice di massa corporea o Body Mass Index
(BMI: ricavato dividendo il peso del paziente per l’altezza elevata al quadrato) è superiore a 40
kg/m
2
, è senza alcun dubbio un patologia grave. Numerosissimi studi hanno dimostrato come il
paziente con obesità grave sia maggiormente colpitoda numerose patologie croniche ed invalidanti,
come diabete, ipertensione arteriosa, insufficienza respiratoria, apnee notturne, artrosi delle
articolazioni, eccetera. Le conseguenze di queste malattie, oltre a determinare sofferenza e a ridurre
le capacità lavorative e sociali dell’individuo, comportano anche un rischio maggiore di morte. La
mortalità nei pazienti con obesità grave è infatti 2-3 volte più alta che nella popolazione normopeso.
La terapia chirurgica dell’obesità è sicuramente l’unica terapia che al giorno d’oggi può vantare
sicure dimostrazioni di efficacia a lungo termine nel controllo del peso corporeonel paziente con
obesità grave. Il calo ponderale stabile indotto dall’intervento chirurgico è associato ad indubbi
benefici dal punto di vista delle patologie associate all’obesità e del benessere generale del paziente.
Tuttavia, la terapia chirurgica è anche associata alla possibile insorgenza di complicanze specifiche
anche gravi, sia a breve che a lungo termine. La scelta di sottoporsi ad un intervento chirurgico per
obesità va quindi attentamente meditata e pesata contro i possibili effetti collaterali e le complicanze
che ogni tipo di intervento può portare.
2
Indicazioni e controindicazioni generali
Le indicazionigenerali alla terapia chirurgica dell’obesità sono state codificate già nel 1991 da un
gruppo internazionale di esperti e possono essere così schematizzate:
1) BMI> 40 kg/m² (o BMI>35 kg/m² se già in presenza di patologie associate all’obesità);
2) Età compresa tra 18 e 60 anni;
3) Obesità di durata superiore ai 5 anni;
4) Dimostrato fallimento di precedenti tentativi di perdere peso e/o di mantenere la perdita di
peso con tecniche non chirurgiche;
5) Piena disponibilità ad eseguire controlli medici per tutta lavita dopo l’intervento chirurgico.
Le controindicazioniall’approccio chirurgico sono viceversa le seguenti [14]:
1) Obesità secondaria a causaendocrinologia suscettibile di trattamento specifico;
2) Rischio operatorio troppo alto;
3) Presenza di patologie gravi non legate all’obesità;
4) Malattie psichiatriche severe;
5) Abuso di alcol o di droghe;
6) Bulimia Nervosa.
3
Tipi di intervento chirurgico
Negli ultimi decenni, numerosissime tecniche chirurgiche sono state proposte nell’ambito della
chirurgia dell’obesità grave, mamolte di esse sono state successivamente abbandonate, o per la
povertà dei risultati o per l’insorgenza di complicanze. I pochi interventi che hanno superato questo
processo di selezione possono essereclassificati, a seconda del meccanismo d’azione, in tre gruppi:
1) Interventi di restrizione gastrica(bendaggio gastrico regolabile, gastroplastica verticale).
Agiscono semplicemente riducendo il volume dello stomaco e quindi causando un precoce
senso di sazietà ed una riduzione del senso di fame. La digestione e l’assorbimento degli alimenti
avviene normalmente. Il paziente deve esseredisponibile a seguire una serie di consigli
alimentari riguardanti soprattutto il modo di mangiare.
2) Interventi di restrizione gastrica con associato by-pass duodeno-digiunale (bypass gastrico).
Agiscono in parte come i precedenti, ma in questo caso il cibo non transita più nel primo tratto
dell’intestino tenue, che viene appunto by-passato chirurgicamente. Questo provoca una maggior
riduzione del senso di fame, almeno nel primo anno dopo l’intervento. Il by-pass può interferire
con l’assorbimento di alcuni elementi (ferro, calcio) che vanno quindi introdotti come
supplementi.
3) Interventi di restrizione gastrica con associato malassorbimento(diversione biliopancreatica,
interventi di “duodenal switch”, by-pass bilio-intestinale). In questo caso la riduzione dello
stomaco è minore e l’elemento più importante dell’intervento è il by-pass di gran parte
dell’intestino. Il meccanismo che provoca il calo dipeso è quindi la riduzione dell’assorbimento
di quello che il paziente mangia. Il cibo ingeritoma non assorbito viene eliminato per via fecale.
Vi sono deficit di assorbimento anche di nutrienti importanti per il benessere fisico (proteine,
vitamine, ferro, calcio). Il paziente deve assumere supplementi di tali nutrienti per tutta la vita.
4
Criteri per la scelta dell’intervento e consigli generali
I vari tipi di intervento, oltre ad avere meccanismo d’azione diverso, forniscono risultati diversi ed
hanno complicanze diverse, presentando quindi un rapporto rischi/benefici per molti aspetti diverso.
Una valutazione del rapporto rischi/beneficiin termini generali è quindi estremamente difficile
ed in buona parte soggettiva.In linea generaleesiste un rapporto inverso tra efficacia dell’intervento
in termini di calo di peso e invasività dell’intervento. Gli interventi più invasivi hanno effetti più
grandi sul peso, ma hanno anche complicanze più gravi sia a breve che a lungo termine, compresa
una maggiore mortalità operatoria.
Mentre come abbiamo visto le indicazioni e controindicazioni generali alla terapia chirurgica
dell’obesità sono state da lungotempo codificate, non vi sono almomento attuale indicazioni
altrettanto autorevoli che possano indirizzare nellascelta di uno specifico tipo di intervento. Non
esiste al momento attuale nessun intervento che soddisfi i requisiti dell’intervento ideale,né vi
sono criteri certi ed universalmente accettati sulla possibilità di poter indicare un determinato tipo di
intervento come quello sicuramente migliore per una determinata classe di pazienti o per un
determinato paziente.
La difficoltà di questa scelta, basata più sull’esperienza clinica individuale che su criteri oggettivi di
facile e generale rilevazione, con le possibili conseguenze in termini di successi, fallimenti e
complicanze, enfatizza un punto molto importante da tenere in considerazionequalora si consideri
la possibilità di sottoporsi ad in intervento chirurgico per obesità: la necessità di rivolgersi a centri
specialistici.La terapia chirurgica dell’obesità è una terapia difficile, che può daregrandi risultati,
ma può anche produrre esiti sfavorevoli. E’ una terapia che non può essere improvvisata,
banalizzata ed eseguita da chirurghi senza training, esperienza e interesse culturale specifici. Il
trattamento dell’obesità grave non si esaurisce inoltre nel semplice atto chirurgico, ma necessita, per
essere efficace e sicuro, di una somma di conoscenze specifiche multidisciplinari (dietologiche,
internistiche, chirurgiche, psicologiche). Tali conoscenze devono concorrere a formare un team
multidisciplinareche si possa far carico delle necessità e dei bisogni del paziente per un tempo
illimitato. La terapia chirurgica dell’obesità deve essere quindi riservata a centri di riferimento
specialistici che possano garantire in modo costante nel tempo questo livello integrato di assistenza.

's cover photo

Franco Ciampaglia - Medico Chirurgo updated their cover photo.